You are here: Azienda | News | Data center energivori
Tornare a:

Data center energivori

Soluzioni intelligenti per il risparmio energetico

La crisi climatica e la carenza di gas ed elettricità causata dalla guerra in Ucraina stanno aumentando la pressione sulle aziende per ridurre le emissioni di CO2 e risparmiare energia. In particolare, le aziende che gestiscono i data center si trovano di fronte a una grande sfida: il fabbisogno energetico aumenta con l’incremento della domanda di servizi Internet e cloud. Secondo il World Energy Outlook 2022 dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), i 18 milioni di data center attivi nel mondo hanno consumato tra i 220 e i 320 terawattora nel 2021. Ciò equivale a una quota compresa tra lo 0,9 e l’1,3% del consumo energetico globale (senza contare il mining di criptovalute).

L’infrastruttura IT e il raffreddamento assorbono la maggior parte dell’elettricità. La parola d’ordine è, quindi, operare nel modo più economico possibile. I miglioramenti apportati ai dispositivi informatici hanno permesso di ottenere alcuni risparmi. È stato così possibile, ad esempio, dissociare il crescente traffico di dati dall’energia consumata dai data center.

Ma questo non è sufficiente. L’infrastruttura IT di un data center comprende un gran numero di componenti che devono essere alimentati con energia elettrica. Per quanto sia problematico sostituirli con soluzioni alternative improntate al risparmio energetico, farlo dà la possibilità agli operatori di beneficiare di diversi modi sostenibili per aumentare l’efficienza energetica. Tra questi, la regolazione della velocità delle ventole e dell’hardware di archiviazione, la sostituzione di dispositivi e soluzioni più efficienti dal punto di vista energetico, il ricorso all’infrastruttura cloud e persino l’aumento della temperatura di esercizio.

Una delle azioni più importanti – e sottovalutate – da compiere è la misurazione e il monitoraggio dei consumi. Una valutazione accurata degli assorbimenti di elettricità è il primo passo verso un data center più efficiente. Anche il valore PUE (Power Usage Effectiveness) dovrebbe essere controllato regolarmente.

Gli obiettivi di sostenibilità interni e l’aumento del costo dell’energia costringono le aziende a esaminare il proprio ambiente IT e a configurarlo di conseguenza. I Micro e Mini Data Center di Datwyler rappresentano un’ottima scelta sul piano dell’efficienza energetica. In quanto data center Edge compatti ed efficienti in rack preassemblati con alimentazione elettrica, impianto di raffreddamento, monitoraggio ambientale e sistemi di sicurezza, offrono realmente numerosi vantaggi a imprese e organizzazioni, in particolare a quelle multi-sede, rendendole perfettamente preparate ad affrontare le odierne sfide di elevata efficienza energetica e di basso impatto ambientale.